Cosa ci si aspetta da una Pediatra

Cosa ci si aspetta da una Pediatra? Che parli di malattie dei bambini?, di quando è possibile il “fai da te” e quando è indispensabile chiamare il Medico? di alimentazione?, di attività consigliate?…anche ma oggi, come prima cosa, desidero affrontare uno degli argomenti che più mi sta a cuore, perché è da qui che parte tutto : la “relazione” tra i genitori, il bimbo e tutto ciò che è “altro” ma che influisce in modo determinante sulla salute psicofisica del nostro bimbo e la formazione di una personalità armoniosa, capace di affrontare, a tempo debito, le sfide che la vita quotidianamente ci regala. Proprio ieri la mia attenzione è stata catturata da un episodio interessante: carovana di biciclette sul marciapiede, proveniente dai giardinetti, in fila indiana bimbetti di età varie, tutti senza le rotelline, la piccola Aurora (nome di fantasia) esce in curva un po’ veloce, sbanda e cade rovinosamente. Immediata la reazione della madre che, seccata, le urla “ma come hai fattoooo, accidenti!” Aurora era pronta a piangere, per lo spavento e forse per il male ma la sua espressione ha preso i connotati dell’umiliazione…, ha ingoiato le lacrime e incassato il rimprovero: non ha potuto rifugiarsi tra  braccia rassicuranti della mamma ma si è sentita “accusata, colpevole” per un piccolo incidente che capita a tutti i bimbi (e spesso anche agli adulti!).  Vi regalo un aforisma scritto da Anonimo, che trovai appeso alla bacheca della sala medica di una scuola quando, fresca di Laurea, mi occupavo di Medicina Scolastica e Preventiva: “Se un bambino viene criticato, impara a condannare. Se vive nell’ostilità, impara ad aggredire. Se vive deriso, impara la timidezza. Se vive vergognandosi, impara a sentirsi colpevole. Ma se vive trattato con tolleranza, impara ad essere paziente. Se vive nell’incoraggiamento, impara la fiducia. Se vive nell’approvazione, impara ad apprezzare. Se vive nella lealtà, impara la giustizia. Se vive con sicurezza, impara ad avere fede. Se vive volendosi bene, impara a trovare amore e amicizia nel mondo”.  Mamme, fatene il vostro Vangelo! Imparate a mordervi la lingua e a contare fino a 10 prima di esplodere in un rimprovero che lo potrebbe umiliare, (stai attento al tuo pensiero, esso diventa parola), trovate le parole giuste per esprimere i vostri sentimenti, (stai attento alle tue parole, esse diventano azioni)…Lo so che non è facile, che noi mamme siamo sempre alle prese con tremila impegni: lavoro, casa, figli, marito ecc., io stessa ho commesso tantissimi errori con le mie figlie ma proprio per questo vi invito a riflettere su queste parole, perché vi aiuteranno ad affrontare situazioni e problemi con uno spirito positivo, costruttivo, che gioverà a voi stesse, ai vostri figli e a tutta la società.

Francy